Choose your language:
Italiano
Čeština
Dansk
Deutsch
English
Español
Français
Nederlands
Polski
Choose a language Choose a language
Scoprite lo stato attuale dei divieti di accesso nella app di Green-Zones: accesso consentito (verde), divieto di circolazione (rosso) o preallarme (arancione).
Scoprite lo stato attuale dei divieti di accesso alla zona ambientale desiderata nella app di Green-Zones: accesso consentito (verde), divieto di circolazione (rosso) o preavviso di un divieto di circolazione (arancione).

La zona regionale a tutela dell´aria ZPAd del Puy-de-Dôme / Clermont-Ferrand

Il 20.11.2017, il Prefetto del Dipartimento del Puy-de-Dôme ha firmato un’ordinanza, nella quale si comunica l’introduzione del bollino Crit’Air all’interno del dipartimento, entrato in vigore il 22.11.2017.
L’ordinanza contiene una serie di misure da adottare nel caso di un picco di inquinamento atmosferico. Tuttavia, la particolarità risiede nel fatto che, in caso di un picco di inquinamento atmosferico, viene indicata solo la città o il comune all’interno del dipartimento, dove è stata attivata la zona dipendente dalle condizioni meteorologiche. Una ZPAd (zona regionale a tutela dell’aria), quindi, non è una zona locale o regionale a tutela dell’aria i cui confini sono chiaramente definiti (ZPA), ma un intero dipartimento in cui le restrizioni al traffico possono essere imposte temporaneamente.
Il Prefetto del Dipartimento del Puy-de-Dôme determina quali città e comuni sono interessati e in quale misura. Di conseguenza, all´interno della zona ZPAd del Puy-de-Dôme, possono essere imposti divieti di circolazione locali, limitati nel tempo e variabili, a cui il proprietario del veicolo deve attenersi.

Il Dipartimento del Puy-de-Dôme (dipartimento n. 63) è uno 12 dei dipartimenti della regione Alvernia-Rodano-Alpi che conta 648.000 abitanti su una superficie di 8.000 km². Il capoluogo del Dipartimento del Puy-de-Dôme è Clermont-Ferrand, che ha una popolazione di circa 141.400 abitanti su una superficie di 43 km², in cui risiede anche il prefetto.

Al fine di essere preparati ad eventuali picchi di inquinamento, viene ora introdotta una zona ambientale temporanea anche nel Dipartimento del Puy-de-Dôme, obbligatoria per tutti i veicoli in caso di inquinamento atmosferico persistente, conformemente all’ordinanza prefettizia n°17-02365.

Ogni infrazione all’obbligo del bollino e alle limitazioni al traffico sarà punita con una sanzione compresa tra 68,00 euro e 375,00 euro; se si paga direttamente sul posto un pò di meno. Queste sanzioni si basano sugli articoli da L.325-1 a L.325-3 e R.411-19 del Codice della Strada francese.

Paesaggio dell'Alvernia con la montagna Puy de Dôme

Nel caso di un picco di inquinamento atmosferico, la Prefettura del Puy-de-Dôme prevede una serie di misure suddivise in varie fasi. Dopo uno stato di preallerta senza ripercussioni sulla circolazione stradale, il primo allarme inquinamento viene attivato.
Ciò avviene se, in base alla misurazione giornaliera o oraria dell’istituto per la qualità dell’aria responsabile, è stato superato un livello di emissioni di 50/80 μg / m³ delle polveri sottili o 180/240 μg / m³ dell´ozono o 300/500 μg / m³ del biossido di zolfo o 200/400 μg / m³ del biossido di azoto. Di conseguenza, la velocità sulle strade della zona ambientale ZPAd deve essere ridotta di 20 km/h.
Se, nei giorni successivi, uno dei suddetti valori degli inquinanti dovesse trovarsi ancora al di sopra dei valori indicati, scatterebbe il secondo allarme inquinamento („niveau d’alerte N2”) con restrizioni al traffico per tutti i veicoli sprovvisti di un bollino Crit’Air. Se, dopo due giorni, i valori degli inquinanti del secondo allarme inquinamento dovessero ancora superare i valori limite, le classi di bollini Crit’Air 4 e 5 verrebbero successivamente escluse dalla circolazione.
Se la situazione dovesse peggiorare ulteriormente, il prefetto potrebbe dichiarare un secondo allarme inquinamento aggravato („niveau d’alerte N2 aggravé) ed escludere ulteriori classi di bollini Crit’Air dalla circolazione.

I confini della zona ambientale del Puy-de-Dôme

In questo caso, alcune aree del Dipartimento del Puy-de-Dôme potrebbero essere interessate da restrizioni al traffico, o addirittura l’intero dipartimento. Solo nel caso di un picco di inquinamento atmosferico, il prefetto comunicherà l’estensione esatta della zona interessata da concrete limitazioni al traffico.
In ogni caso, va notato che, nel caso di un allarme inquinamento, le autostrade A75 (direzione Montpellier) e A89 (da e verso Bordeaux) potrebbero essere interessate.

Tabella riassuntiva della zona ambientale

Nome della zona ambientale:
Zona ambientale Puy-de-Dôme/Clermont-Ferrand ZPAd - Francia
Zona ambientale in vigore dal:
22/11/2017
Tipo di zona ambientale:
Zona regionale a tutela dell'aria ZPAd dipendente dalle condizioni meteorologiche, valida su parte o tutto il dipartimento, ed attivata dopo una fase di preallerta, se i valori degli inquinanti superano, ad esempio, un livello di > 50 µg/m³ delle polveri sottili e a seguito della decisione del prefetto.
Sanzioni:
68-375 Euro.
Territorio/ estensione della zona ambientale:
La zona ZPAd copre teoricamente l'intero Dipartimento del Puy-de-Dôme. L’estensione attuale della zona attivata viene ridefinita durante ogni picco di inquinamento atmosferico e resa nota in un’ordinanza della polizia su decisione del prefetto, in cui viene comunicata l’entrata in vigore della zona. Le possibili autostrade interessate del dipartimento sono l’A75 e A89.
Richiedi qui il bollino Crit'Air francese per le zone ambientali a traffico limitato (ZCR/ZPA) in Francia

 

 

.